Perché i dipendenti pubblici hanno bisogno di formarsi?

Partiamo da un dato evidenziato con allarme dal report 2018 dell’ADAPT (Associazione per gli studi sul lavoro e le relazioni industriali) che immagino tu conosca bene: l’Italia è ultima in Europa per numero di occupati nella Pubblica Amministrazione rispetto al totale della popolazione e penultima rispetto al totale degli occupati.

Le conseguenze di questa esiguità numerica? È facile individuarle:

  • I dipendenti vengono sovraccaricati di lavoro;

 

  • La loro efficienza cala;

 

  • Il rischio di commettere errori aumenta (il che può anche portare a conseguenze legali nei confronti di chi li commette);

 

  • Il lavoro viene svolto senza entusiasmo e senza percepire quanto in realtà il proprio apporto sia significativo all’ interno del team;

 

  • Aumenta lo stress dei dipendenti.

A questo quadro va poi aggiunto il labirinto normativo, in continuo mutamento e evoluzione, cui i dipendenti pubblici e i dirigenti devono adattarsi repentinamente per non rischiare sanzioni e denunce.

Sappiamo quindi quanto sia cruciale per chi, come te, opera nel settore pubblico, ricevere aggiornamenti costanti e mirati per lavorare con la massima precisione e sicurezza, per organizzare con estrema efficienza le proprie funzioni, per creare assieme ai colleghi un team di lavoro inattaccabile dai reclami interni e da quelli del pubblico e al passo con le più recenti riforme normative.

Con la Scuola Giuridica per gli Enti Locali viene introdotto quindi un nuovo concetto di Formazione pratico-operativa, finalmente efficace e adeguato alle necessità dei dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Il metodo operativo della scuola è basato su innovative Master Class create su misura delle esigenze di chi opera nella P.A. grazie alle quali sarai sempre aggiornato sulle ultime disposizioni normative – anche dopo il termine dei seminari in aula -, e ti verrà fornita una formazione pratica, permettendoti da subito di applicare nel tuo lavoro quotidiano le nozioni apprese a lezione

Lascia un commento